La crescita

Nostro figlio diventa grande 

 Siamo noi genitori che abbiamo il compito di farli crescere e di offrirgli tutti gli strumenti per essere liberi di esprimersi e di diventare adulti responsabili. Non possiamo renderli dipendenti da noi, dai nostri progetti per loro, o dalle nostre scelte. E' giusto guidarli, mostrandogli le strade che a noi sembrano buone. Saranno poi loro a realizzare il pecorso che più si adatta alle loro esigenze.

Accanto a solide basi, vanno offerte ali per sentirsi liberi.
Le autrici Parsi, M e Toro, M.  in un libro ricco di spunti e suggerimenti su come essere buoni genitori, Onora il figlio e la figlia,  Salani Editore (vedi www.macrolibrarsi.it)  si concentrano sul rispetto della personalità emergente dei giovani. In più parti del testo sottolineano che ai figli possiamo dare radici per trarre tutta l'energia per vivere e integrarsi nell'ambiente familiare e sociale e ali per esplorare il mondo fuori, dove i loro desideri possano in qualche modo prendere forma.

 

 
Non confondiamo le nostre aspettative con quello che desiderano i nostri piccoli, che hanno diritto ad avere la libertà di scegliere le loro strade. E mentre si attivano a realizzare certi obiettivi vanno supportati con discrezione affinchè sviluppino la capacità di distinguee ciò che è vero da ciò che invece non è reale.

Nella vita è inevitabile incontrare problemi e lotte interiori: affontandole i nostri figli cresceranno. Ma se li anticipiamo o li blocchiamo nei tentativi di autonomia li rendiamo insisuri e insoddisfatti.

 E ancora una volta, come spesso in questo sito, mi vengono in mente dei bei libri che ci aiutano ad approfondire questi temi. I buoni libri sono un ottimo supporto e spesso tante verità ignorate o trascurate ci illuminano.

La trasmissione dei valori è un grande atto di amore
Nel libro "Etica per un figlio"  Fernando Savater, Edizioni Laterza (www.laterza.it) dà diverse indicazioni ai giovani e fa riflettere sul senso della vita, sul lasciare che i figli facciano quello che vogliano e sull'incoraggiarli affinchè si impegnino per dare forma ai propri valori, cercando di vivere bene ogni situazione quotidiana. L'arte del saper vivere è un bel dono che un padre in questo caso fa ai suoi figli e a noi lettori, per pensare e dare un senso a quanto diciamo ai nostri ragazzi.

 

Etica per un figlio

 

 Il benessere è una conquista
La salute dei nostri figli è importante e allora preoccupiamocene nel modo giusto.

La dottoressa Koch Marianne, nel suo libro "La salute dei nostri figli. Come farli crescere sani e felici" Corbaccio (www.ibs.it), grazie alla sua esperienza pone l'accento sulle trasformazioni che si hanno  nei figli, sui passaggi cruciali dell'infanzia e dell'adolescenza  e cerca di riflettere su questioni importanti come le abitudini alimentari scorrette, l'abuso della televisione e l'intenso bisogno di tanti di rifugiarsi nel mondo dei videogiochi. 

Dalle varie riflessioni emerge un ruolo di primo piano della musica,  della letteratura e dell'esercizio fisico e delle attività sportive che aiutano i giovani ad esprimersi e a riscoprire le proprie potenzialità, fondamentali nell'interazione con gli altri.

Oltre che far vivere direttamente queste esperienze ai ragazzi, ha un grande valore, secondo me, lo stimolo dei genitori verso queste attività. Accompagnarli a partite di calcio di giovani, o a gare di nuoto,  pallavolo e tennis, o andare insieme a concerti, spettacoli per i più  giovani li abitua ad apprezzare l'impegno che ognuno può mettere nella relizzazione di qualcosa. E il risulato di ciò non è che l'investimento del proprio tempo in pratiche che aiutano ad affinare le proprie qualità.

Crescere vuol dire imparare
Ovviamente va insegnato che non deve essere messa in primo piano la prestazione fine a se stessa, bensì la volontà di impegnarsi e di migliorare in ogni occasione. Non è semplice accettare di non essere bavi o di non saper fare, ma tramite l'apprendimento e la costanza di esercizio i risultati sono assicurati.

Dei risultati in questo senso si possono avere anche progettando insieme di imparare a colorare o a disegnare grazie a qualche metodo preciso.  E' vero che all'asilo tante cose vengono insegnate, ma se si vuole tale lavoro può essere integrato a casa, appena si ha un pò di tempo. Ho scoperto in libreria un testo "Corso di disegno per Bambini" , Ed. Borgo (www.libreriauniversitaria.it), veramente interessante e che avvicina al disegno in modo semplice e divertente.
Mettersi seduti insieme a nostro figlio e mostrargli che con qualche tecnica si possono fare grandi progressi, lo fa sentire grande e in grado di riuscire con un pò di sforzo a fare sempre meglio.

   

 

Altre pagine