Il ruolo genitoriale

Fare il genitore o essere genitore?

 

Chiedersi che genitori siamo stati o siamo oggi serve a monitorare se stessi e capire se quello che facciamo seguendo un progetto educativo valido, almeno ai nostri occhi. La responsabilità dei nostri atti e il rispetto di quei valori in cui crediamo costruiscono i bagagli culturali che ci portiamo dietro mentre viviamo la nostra esperienza genitoriale.
Manuela Rosci in "Genitori si Diventa", Giunti Demetra ( http://www.ibs.it/ebook/rosci-manuela/genitori-si-diventa/9788844038953.html) si domanda spesso se l’adulto con figli è consapevole di cosa vuole trasmettere e attraverso  e sue riflessioni mette in luce le funzioni dell’educazione. Guidare i figli verso la loro autonomia e la libera espressione di sé comporta dei passaggi importanti e non sempre tutto è chiaro. Il compito diventa difficile e affascinante allo stesso tempo perché questo cammino mette a nudo le varie paure che bloccano e che impediscono all’adulto di comunicare adeguatamente i propri vissuti, causando così incomprensioni e malintesi. Ma lascia ugualmente lo spazio ad ulteriori elaborazioni per vedere dietro questi tentennamenti un qualcosa di utile da difendere e seguire..

Educare al rispetto di sé i nostri piccoli che giorno dopo giorno, scoprono le regole del mondo vuol dire aiutarli a farsi delle idee su cosa è buono e cosa invece dovrebbe essere allontanato. E’ giusto che già i bimbi, futuri adolescenti, siano in grado così di amare se stessi, in modo tale da costruire in modo adeguato la propria identità favorendo i legami con l’altro.
Genitori si diventa, lo abbiamo sottolineato diverse volte perché niente è solo risorsa innata, tante competenze si acquisiscono e avere dei figli cambia, ci può aiutare a capire meglio le loro esigenze e il loro punto di vista. Ma certo dobbiamo essere presenti, osservare, ascoltare e questo pone l’accento più sull’essere. Il fare, il ruolo educativo, l’autorevolezza la guida sono una conseguenza del nostro modo di essere persone e genitori, desiderosi di dare e modificare atteggiamento in virtù delle necessità..

Fare i genitori inoltre è una impresa a due..Si diventa genitori insieme.. con flessibilità e sicurezza ci sia sostiene nel fare bene. Nel testo essere Padri di T. Loschi questa convinzione è profonda. Il padre ha uno stile di vita, ha convinzioni con cui si muove e solo coordinandosi con la sua compagna di vita, madre dei suoi figli riesce a prendere il buono di sé e metterlo in gioco a favore del gruppo familiare. Un reciproco sostegno, la forza di coppia va a sostenere quel principio che essere genitore è più importante che “fare”.
 

Altre pagine