Progetto genitorialità

Vorrei essere genitore: un progetto importante

La decisione di diventare mamma a papà apre le porte ad un progetto che implica una serie di trasformazioni che ci fanno riscoprire tante nostre qualità. Amore, tenerezza e disponibilità verso i nostri figli emergono spontaneamente, ma certe volte devono trovare spazio tra i vari sentimenti e pensieri contrastanti che si affollano nella nostra mente.
Aggiungere valore alla nostra vita comporta che si facciano buone scelte. Per fare buone scelte, occorre essere ben informati e saper riflettere ed essere pronti a ridisegnare nuovi equilibri.


In questa sezione si discuterà su cosa significa scegliere di diventare genitori e su come questo desiderio comporti necessariamente di rimboccarsi le maniche per conoscersi meglio ed essere più aperti all’altro, in modo che insieme si possa trovare la via più adatta ad affrontare le difficoltà e vivere più intensamente il bello di essere madre e padre di un bambino.

Da figli a genitori
Per diverso tempo siamo abituati a sentirci figli, apparteniamo ad una famiglia dove il nostro ruolo è ben delineato da confini, più o meno chiari. Poi dopo il matrimonio, mentre stiamo iniziando ad affermare con più vigore la nostra autonomia e ci sembra di aver raggiunto un buon equilibrio, ecco che la decisone di avere un bambino, stravolge tutti i vecchi riferimenti.

Conflitti interiori
Si tratta di una esperienza piena di emozioni contrastanti che a volte ci fanno sentire confusi e deboli. C’è la gioia per una vita che arriva, l’entusiasmo di sperimentarsi coccoloni e affettuosi, si sente proprio la voglia di offrire il nostro amore. Ma contemporaneamente ci si sente deboli, si ha paura di non essere abbastanza pronti all’evento. Tutte paure comprensibili, che però ci allontanano dal momento presente e che proiettano i nostri pensieri nel futuro in maniera troppo veloce.
In certi casi poi i bambini arrivano troppo presto rispetto alle aspettative o tardano ad arrivare, mettendo a nudo la nostra impotenza rispetto alle leggi della natura ed è in queste circostanze che ulteriori turbamenti si sommano allo stravolgimento naturale che la novità di una nascita comporta.
Queste ambiguità sono presenti sia nelle donne che negli uomini e più le coppie sono unite più è facile cogliere l’amplificarsi di certi sentimenti. Quando uno dei due si dimostra fragile, l’altro cerca di essere razionale per dare un sostegno e appena l’elemento in difficoltà recupera energie, ecco che l’altro si lascia andare ai suoi dubbi e si apre un po’.

Ogni situazione ci offre l'occasione per migliorare
Diventiamo genitori da subito e dal momento in cui il progetto di allargare la famiglia prende piede cominciamo ad apprendere dall’esperienza una serie di informazioni, che se usate bene ci possono aiutare a modificare senza forzature le nostre abitudini, ad essere più flessibili e a prepararci per assumere nuovi ruoli. Non si smette mai di perfezionare il proprio comportamento e per riuscire meglio nell’impresa, bisogna capire che si è genitori insieme, in modo che ognuno possa assumersi le proprie responsabilità e che impari prima di tutto a volersi più bene e a conoscersi, così da far riferimento alle proprie risorse per gestire le varie situazioni che si presenteranno.
E’ fondamentale il sostegno del partner, della famiglia di origine, delle amiche, di persone che vivono la stessa esperienza.

Le ragioni di una scelta importante
La decisione di fare un figlio: si tratta sempre di una scelta consapevole o qualche volta subentra l’idea di seguire quello che fa la maggioranza e quello che sembra una naturale conseguenza dello stare insieme in coppia?
Questi interrogativi, aprono discorsi ampi e ognuno dovrebbe ogni tanto rifletterci per evitare d’agire in modo meccanico, parchè tale atteggiamento porta presto a sentire il peso degli eventi.
L’imprevisto è anche un’altra realtà possibile e allora in questa situazione gli aspetti emotivi e psicologici legati alla genitorialità cambiano forma: tutto è amplificato e ancora più stravolgente mettendo a dura prova la condizione di equilibrio del sistema familiare ( per questo si vedano le altre sezioni).


Cosa comporta la scelta di essere genitori
E’  un desiderio generale che ci spinge ad avere un bambino. Si sente dentro. O almeno così è stato per me e mio marito e per molte coppie con cui ho parlato. Dopo tanti progetti personali di studio o lavoro, ci si ferma, si vuole dare un senso all’esistenza creando una continuità generazionale.

E' comunque una decisione che coinvolge due persone e che è piena di incertezze, perchè porta a mettersi completamente in discussione. Per tante domande e perplessità le risposte arriveranno con il tempo e mentre si aprono nuove strade è bene iniziare a fare un progetto e lasciare che gli arrovellamenti mentali e le paure svaniscano con l’azione diretta.

La messa a punto dei valori personali
Sono utili non solo letture legate allo stato di gravidanza, ma quelle più relative al senso della vita, ai valori in cui si crede che aiutano a portare avanti una scelta consapevole. Eccone due che ho sempre sulla mia scrivania e che ogni tanto riguardo per rispolverare alcuni concetti.

1) Grayling A.C., Il significato delle cose, Longanesi (www.ibs.it).
In questo manuale vengono fatte riflessioni molto belle sul senso della vita. Anche se un po’ vengono trattati temi filosofici, è di semplice lettura e apre la mente a nuove considerazioni.
Porsi delle domande sul significato dell'esistenza e sulla condizione umana non deve essere necessariamente un esercizio faticoso e difficile; al contrario, può rivelarsi un'esperienza illuminante e positiva. L’autore ci conduce lungo un percorso di conoscenza tracciato da parole chiave della nostra esistenza. Partendo da temi diversi, l'amore, l’onestà, il dolore o la menzogna siamo condotti verso un appassionante viaggio dentro noi stessi alla scoperta di conoscenza fedele di ciò che ci circonda.
2) Pier Luigi Ricci, Esperienze di Volo, casa Editrice Romena (www.libreriauniversitaria.it). Si tratta di un testo molto denso di significati e di riflessioni che portano a riguardarsi dentro e a cogliere l’essenziale di quello che siamo.
Nella vita più che le risposte contano le domande, perché le risposte ci fanno stare fermi, le domande ci fanno procedere in avanti e guardare oltre l’apparenza.
Così, in maniera molto serena e tranquilla, Pier Luigi Ricci ci invita ad accorgerci che ogni momento della nostra esperienza non ci giudica, ma ci porta nuovi significati e ci apre nuove possibilità di crescita.

 


 

Altre pagine